CULTURA ITALIANA SEMPRE ALLO SBANDO

Questo l’articolo che ispira il titolo:

C’è da fare però un’importante distinzione semantica per spiegare il titolo: per “cultura” italiana si possono intendere almeno tre cose:

  1. il patrimonio culturale italiano in sé;
  2. ciò  che sta nella testa e nelle azioni di coloro che cercano, nonostante tutto – soprattutto nonostante la terza accezione che adesso seguirà – di andare avanti;
  3. e per ultimo, ma proprio per ultimo, in tutti i sensi, ciò che non fanno, o fanno male, coloro che detengono le leve della politica (culturale?) in Italia.

Naturalmente il titolo, che è anche il sunto del contenuto di questa considerazione, si riferisce alla terza accezione. Il patrimonio infatti (1) è grande ed unico, materiale ed immateriale, e cerca di resistere anche grazie a coloro (2) che lo amano, lo valorizzano e/substanziano con la loro ricerca, dedizione e creatività; quanto alla politica (3), essa rovinosamente continua a perpetuare un cortocircuito letale tra (1) e (2) attraverso “cattiva” scuola, progressiva privatizzazione della responsabilità di gestione di tutto quanto è cultura, non tentando neppure di rompere il cerchio magico. Non si darà infatti mai vera sensibilità e autentico interesse “per” la cultura attraverso una monetizzazione costante delle coscienze e del senso della vita.

Mallesi maleficarum, Venezia 1574

Malleus maleficarum, Venezia 1574

Che sia un Maleficio nelle Alte Stanze del Palazzo, ad impedire la conservazione, la valorizzazione e lo sviluppo della Cultura e dell’Arte? Ci sarà qualcuno, e chi, a impugnare il Martello per sconfiggerlo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...